Versione in duo con Henri Salvador.

Je n’avait jamais ôté mon chapeau

Devant personne

Maintenant je rampe et je fait le beau

Quand ell’ me sonne

J’étais chien méchant ell’ me fait manger

Dans sa menotte

J’avais des dents d’ loup , je les ai changées

Pour des quenottes !

Refrain:

Je m’ suis fait tout p’tit devant un’ poupée

Qui ferm’ les yeux quand on la couche

Je m’ suis fait tout p’tit devant un’ poupée

Qui fait Maman quand on la touche.

J’était dur à cuire ell’ m’a converti

La fine mouche

Et je suis tombé tout chaud , tout rôti

Contre sa bouche

Qui a des dents de lait quand elle sourit

Quand elle chante

Et des dents de loup , quand elle est furie

Qu’elle est méchante.

(Refrain)

Je subis sa loi , je file tout doux

Sous son empire

Bien qu’ell’ soit jalouse au-delà de tout

Et même pire

Un’ jolie pervench’ qui m’avait paru

Plus joli’ qu’elle

Un’ jolie pervench’ un jour en mourut

A coup d’ombrelle.

(Refrain)

Tous les somnambules , tous les mages m’ont

Dit sans malice

Qu’en ses bras en croix , je subirais mon

Dernier supplice

Il en est de pir’s li en est d’ meilleur’s

Mais à tout prendre

Qu’on se pende ici , qu’on se pende ailleurs

S’il faut se pendre.

(Refrain)

MI SONO FATTO PICCOLO PICCOLO

Non mi ero mai levato il cappello

davanti a nessuno

Adesso striscio e faccio le feste

quando lei mi chiama

Ero un cane feroce, lei mi fa mangiare

nelle sue manine

Avevo denti da lupo, l’ho cambiati

con denti da latte

Ritornello:

Mi sono fatto piccolo piccolo davanti a una bambola

che chiude gli occhi quando la sdrai

Mi sono fatto piccolo piccolo davanti a una bambola

che dice mamma quando la tocchi.

Ero duro da cuocere, lei mi ha convertito

la vecchia volpe

e sono caduto caldo caldo e tutto arrostito

contro la sua bocca

che ha dei denti da latte quando sorride

e quando canta

e dei denti da lupo, quando è furiosa

com’è cattiva.

(Ritornello)

Subisco la sua legge filo buono buono

sotto il suo dominio

benché sia gelosa al di là di tutto

e anche peggio

una bella pervinca che mi era sembrata

più bella di lei

una bella pervinca un giorno ne è morta

a colpi d’ombrellino.

(Ritornello)

Tutti i sonnambuli, tutti i magi mi hanno

detto senza malizia

che nelle sue braccia in croce subirò il mio

ultimo supplizio

Ce ne sono di peggiori e di migliori

Ma tutto sommato

che ci si impicchi qui o ci s’impicchi lì

Se bisogna farsi impiccare

(Ritornello)

Annunci

L’Ammore Ched’E’?

“Scusate, sapite l’ammore ched’è?”

“L’ammor’ è na cosa

c’addora di rosa,

ca rosa nunn’è.

Nduvina ched’è?”

“E’ rosa?

E scusate, sapite pecché?”

“E’ rosa o culore

che serve p’ammore.

L’ammore nun c’è

si rosa nunn’è.”

“L’addore che c’entra, si rosa nunn’è?”

“Pecché dinto maggio,

se piglia curaggio!

Sentenno l’addore

te nasce l’ammore”.

“A maggio sultanto?

E sapite pecché?”

“E’ maggio pè n’anno

pè chille c’o ssanno.

Pè chi nun vò bene

stu mese nun vene.”

“E senza l’addore,

l’ammore nun c’è?”

“Nun c’è !

Pecché ‘ammore

è forte dolore,

ca pare na cosa

c’addora di rosa”

(Eduardo De Filippo)

Si t’o sapesse dicere

Ah… si putesse dicere

chello c’ ‘o core dice;

quanto sarria felice

si t’ ‘o sapesse dì!

E si putisse sèntere

chello c’ ‘o core sente,

dicisse: “Eternamente

voglio restà cu te!”

Ma ‘o core sape scrivere?

‘O core è analfabeta,

è comm’a nu pùeta

ca nun sape cantà.

Se mbroglia… sposta ‘e vvirgule…

nu punto ammirativo…

mette nu congiuntivo

addò nun nce ‘adda stà…

E tu c’ ‘o staje a ssèntere

te mbruoglie appriess’ a isso,

comme succede spisso…

E addio Felicità!

(Eduardo De Filippo)

SVIATOSLAV RICHTER, PIANO

ALFRED BRENDEL, PIANO

MAURIZIO POLLINI, PIANO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: