Maurizio Pollini, piano

Maurizo Pollini, piano

Maurizio Pollini, piano

UN MONOLOGO ATTUALISSIMO, DEFINITIVO.

È sempre cos’e nient.

Tutte le situazioni così l’abbiamo risolte: è cosa ’e niente, è cosa ’e niente.

Non teniamo che mangiare: è cosa ’e niente.

Ci manca il necessario: cosa ’e niente.

‘O padrone muore e io perdo il posto: vabbuo’ cosa ’e niente, cosa ’e niente.

Ci negano il diritto della vita: è cosa ’e niente.

Ci tolgono l’aria: vabbuo’ che vvuo’ fa’, è cosa ’e niente. Sempre cosa ’e niente.

Quanto sei bella. Quanto eri bella. E guarda a me, guarda cosa sono diventato.

A furia ‘e ddicere “è cosa ‘e niente” siamo diventati cos’e nient io e te.

Chi ruba lavoro è come se rubasse danaro.

Ma se onestamente non si può vivere, dimmi, dimmi “vabbuò è cos’e nient.

Non piangere è cos’e niente.

Se io esco e uccido a qualcuno è cos’e nient.

E se io impazzisco e finisco al manicomio e ti chiedono perché vostro marito è impazzito tu devi dire: è impazzito per niente. È cos’e nient.

È niente. È sempre cosa ’e niente.

(da PEPPINO GIRELLA di Eduardo De Filippo)

IN RICORDO DI PIER PAOLO PASOLINI.

Non mi ricordo se c’era luna

E nè che occhi aveva il ragazzo

Ma mi ricordo quel sapore in gola

E l’odore del mare come uno schiaffo

A Pà

E c’era Roma così lontana

E c’era Roma così vicina

E c’era quella luce che li chiama

Come una stella mattutina

A Pà

A Pà

Tutto passa, il resto va

E voglio vivere come i gigli nei campi

Come gli uccelli del cielo campare

E voglio vivere come i gigli dei campi

E sopra i gigli dei campi volare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: