Eduardo De Filippo – Io vulesse truva’ pace

20 aprile 2014

Io vulesse truva’ pace;

ma na pace senza morte.

Una,’mmiez’a tanta porte,

s’arapesse pe’ campa’!

S’arapesse na matina,

na matin”e primmavera,

arrivasse fin”a sera

senza di’ : “nzerrate lla” !

Senza sentere cchiu’ ‘a ggente

ca te dice: “io faccio…io dico”,

senza sentere l’amico

ca te vene a cunziglia’

Senza sentere ‘a famiglia

ca te dice: “Ma ch’he fatto?”

senza scennere cchiu’ a patto

cu”a cuscienza e ‘a dignita’.

Senza leggere ‘o giurnale

‘a nutizia ‘mprussiunante,

ch’e’ nu guaio pe’ tutte quante

e nun tiene che ce fa.

Senza sentere ‘o duttore

ca te spiega ‘a malatia

‘a ricetta in farmacia

l’onorario ch’he ‘a pava’

Senza sentere stu core

ca te parla ‘e Cuncettina

Rita, Brigida, Nannina…

chesta si’… chell’ata no.

Pecche’ insomma si vuo’ pace

e nun sentere cchiu’ niente

‘e ‘a spera’ ca sulamente

ven’ ‘a morte a te piglia’?

Io vulesse truva’ pace

ma ‘na pace senza morte.

Una,’mmiez’ a tanta porte

s’arapesse pe’ campa’

S’arapesse ‘na matina

‘na matina ‘e primmavera

e arrivasse fin’a sera

senza di’ “nzerrate la’!”

(Eduardo De Filippo)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: