Io vulesse truva’ pace;

ma na pace senza morte.

Una,’mmiez’a tanta porte,

s’arapesse pe’ campa’!

S’arapesse na matina,

na matin”e primmavera,

arrivasse fin”a sera

senza di’ : “nzerrate lla” !

Senza sentere cchiu’ ‘a ggente

ca te dice: “io faccio…io dico”,

senza sentere l’amico

ca te vene a cunziglia’

Senza sentere ‘a famiglia

ca te dice: “Ma ch’he fatto?”

senza scennere cchiu’ a patto

cu”a cuscienza e ‘a dignita’.

Senza leggere ‘o giurnale

‘a nutizia ‘mprussiunante,

ch’e’ nu guaio pe’ tutte quante

e nun tiene che ce fa.

Senza sentere ‘o duttore

ca te spiega ‘a malatia

‘a ricetta in farmacia

l’onorario ch’he ‘a pava’

Senza sentere stu core

ca te parla ‘e Cuncettina

Rita, Brigida, Nannina…

chesta si’… chell’ata no.

Pecche’ insomma si vuo’ pace

e nun sentere cchiu’ niente

‘e ‘a spera’ ca sulamente

ven’ ‘a morte a te piglia’?

Io vulesse truva’ pace

ma ‘na pace senza morte.

Una,’mmiez’ a tanta porte

s’arapesse pe’ campa’

S’arapesse ‘na matina

‘na matina ‘e primmavera

e arrivasse fin’a sera

senza di’ “nzerrate la’!”

(Eduardo De Filippo)

UN MONOLOGO ATTUALISSIMO, DEFINITIVO.

È sempre cos’e nient.

Tutte le situazioni così l’abbiamo risolte: è cosa ’e niente, è cosa ’e niente.

Non teniamo che mangiare: è cosa ’e niente.

Ci manca il necessario: cosa ’e niente.

‘O padrone muore e io perdo il posto: vabbuo’ cosa ’e niente, cosa ’e niente.

Ci negano il diritto della vita: è cosa ’e niente.

Ci tolgono l’aria: vabbuo’ che vvuo’ fa’, è cosa ’e niente. Sempre cosa ’e niente.

Quanto sei bella. Quanto eri bella. E guarda a me, guarda cosa sono diventato.

A furia ‘e ddicere “è cosa ‘e niente” siamo diventati cos’e nient io e te.

Chi ruba lavoro è come se rubasse danaro.

Ma se onestamente non si può vivere, dimmi, dimmi “vabbuò è cos’e nient.

Non piangere è cos’e niente.

Se io esco e uccido a qualcuno è cos’e nient.

E se io impazzisco e finisco al manicomio e ti chiedono perché vostro marito è impazzito tu devi dire: è impazzito per niente. È cos’e nient.

È niente. È sempre cosa ’e niente.

(da PEPPINO GIRELLA di Eduardo De Filippo)

L’Ammore Ched’E’?

“Scusate, sapite l’ammore ched’è?”

“L’ammor’ è na cosa

c’addora di rosa,

ca rosa nunn’è.

Nduvina ched’è?”

“E’ rosa?

E scusate, sapite pecché?”

“E’ rosa o culore

che serve p’ammore.

L’ammore nun c’è

si rosa nunn’è.”

“L’addore che c’entra, si rosa nunn’è?”

“Pecché dinto maggio,

se piglia curaggio!

Sentenno l’addore

te nasce l’ammore”.

“A maggio sultanto?

E sapite pecché?”

“E’ maggio pè n’anno

pè chille c’o ssanno.

Pè chi nun vò bene

stu mese nun vene.”

“E senza l’addore,

l’ammore nun c’è?”

“Nun c’è !

Pecché ‘ammore

è forte dolore,

ca pare na cosa

c’addora di rosa”

(Eduardo De Filippo)

Si t’o sapesse dicere

Ah… si putesse dicere

chello c’ ‘o core dice;

quanto sarria felice

si t’ ‘o sapesse dì!

E si putisse sèntere

chello c’ ‘o core sente,

dicisse: “Eternamente

voglio restà cu te!”

Ma ‘o core sape scrivere?

‘O core è analfabeta,

è comm’a nu pùeta

ca nun sape cantà.

Se mbroglia… sposta ‘e vvirgule…

nu punto ammirativo…

mette nu congiuntivo

addò nun nce ‘adda stà…

E tu c’ ‘o staje a ssèntere

te mbruoglie appriess’ a isso,

comme succede spisso…

E addio Felicità!

(Eduardo De Filippo)

A paura mia

Tengo nemice? Faccio ‘o paro e sparo…

‘E t tengo mente e dico: «Stongo ccà! »

E nun tremmo si sent’ ‘e di: «Te sparo! »

Chillo c’ ‘o ddice, ‘0 ddice, nun ‘0 ffà.

Si è p’ ‘o buciardo, nun me movo, aspetto.

(‘A buscia corre assaie, ma campa poco).

‘O vuò vedè? ‘0 canusce comm’ ‘o «sette»,

va pè parlà, se fa una lamp’ ‘e fuoco.

‘A calunnia? E chella «è un venticello»,

dico vicin’ a ‘o viento: «Nun sciuscià? »

Quann’ha fatt’ ‘a sfucata vene ‘o bello,

allor’ accuminciamm’ a raggiunà.

E manco ‘a morte, si me tene mente,

me fa paura. ‘ A morte è generale.

Ll’uommene sò rumanze differente,

ma tènen’ una chiusa, unu finale.

M’arròbbano? Arreduco mmiez’ ‘a via?..

J’ fatico e addevento chillu stesso,

ma, quanto voglio bene a mamma mia,

a mme me fa paura sul”o fesso!

(Eduardo De Filippo)

IL GRANDE EDUARDO AUGURA BUON ANNO.

E tengo na fenesta a pianterreno,

c’affaccia int’ a na strafa scanusciuta;

cu n’aria profumata, e na veduta,

ca si t’affacce, nun t’ ‘a scuorde cchiù.

Si stongo ‘e buonumore, affacci’ a mmare,

e veco semp’ ‘o stesso bastimento

ca parte chin’ ‘e fede e sentimento,

e c’ ‘a bandiera d”a sincerità.

Parte ciuro, e nun arriva maje.

Quanno s’abbìa, sabbìa c’ ‘o maistrale;

ma ncòccia sempre ‘o stesso tempurale,

‘o stesso maletiempo, e adda turnà!

Quanno senza speranza, e senz’ammore

m’affaccio e vec’ ‘o stesso bastimento,

nce mengo dinto ‘o core mio scuntento,

e c’ ‘o mare ntempesta dico: “Va”.

Quann’è bontiempo, ognuno è marenaro

e se vulesse mettere a temmone…

C’ ‘o mare ncalma, tutte songo buone

‘e purtà nu vapore a passià.

Miéttece a buord”o bene ch’ ‘e vuluto,

e tutt’ ‘o chianto amaro ch’è custato…

Nisciunu bastimento s’è affunnato

quanno ce’ ‘e miso a buordo ‘a Verità.

(Eduardo De Filippo)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: